x

Il sito edizionilalepre.it utilizza cookies tecnici e consente l’invio di cookies di "terze parti".

Per maggiori informazioni sull’uso dei cookies, cliccare qui INFORMATIVA ESTESA.

Si informa che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

la lepre edizioni la lepre edizioni
Ricerca veloce
Facebook
Twitter
YouTube
Torna alla collana 'Il Giullare'...
SCAPPA SCAPPA GALANTUOMO
Collana:

Il Giullare

ISBN:

978-88-96052-02-0

Pagine:

482

Data di pubblicazione:

10 novembre 2008


Scheda prodotto:

Scarica PDF
Euro: 24.00
SCAPPA SCAPPA GALANTUOMO GAETANO PARMEGGIANI
MAX RUSCA

Un almanacco con 369 giorni si fa beffe delle istituzioni, inventa agiografie e oroscopi, mette in ridicolo pagine di storia e letteratura, svelando la naturale comicità della cultura ufficiale.

Scappa scappa galantuomo si prepara a colpire nuove generazioni di adepti.
Matteo Nucci, Il Venerdì

 

“Scappa scappa galantuomo” è un libro che contiene in sé molti altri libri. E’ un almanacco dei giorni, ciascuno corredato da un commento o da un brano dedicato. E’ un libro di “esercizi di stile”: gli autori si fanno beffe di poesie e canzoni, dei più vieti luoghi comuni tratti da libri di storia, da testi scolastici e da una grande varietà di stili letterari, dal medioevo ai nostri giorni, ogni volta imitandoli alla perfezione con incredibile abilità. I pezzi di bravura sono sapientemente mescolati con brani autentici e l’effetto è di sottolineare la “naturale comicità” di molte pagine della nostra storia e letteratura. E’ un libro irriverente, che si prende gioco della Chiesa, dello Stato, delle Istituzioni, dei politici, dell’araldica, delle guide turistiche, dei santi (rigorosamente fasulli), dei poeti, degli eroi e perfino della morte. La satira non è mai volgare, colpisce sempre nel segno, perché irride la stupidità dei luoghi comuni e ne sottolinea la grossolanità. E’ un libro colto e raffinato: ogni pagina nasconde citazioni e riferimenti di ogni tipo, per chi sa coglierli, senza che ciò ne renda mai noiosa la lettura. E’ soprattutto un libro divertente, un’inesauribile fonte di allegria e di risate. Stampato nel 1971 in un numero limitato di copie, viene ora pubblicato per la prima volta in edizione integrale.

A cura di Maurizio "Om" Ongaro.

NOTA AUTORE "GAETANO PARMEGGIANI"

di lui è dubbia perfino l'esistenza: un giovane di questo nome, alto e di singolare avvenenza, fu effettivamente visto attraversare, nell'ottobre del 1968, la centralissima via Pattari a Milano: subito circondato da poliziotti ed estimatrici, dichiarò freddamente di chiamarsi Max Rusca, scomparendo poi come un fulmine.
Come fanno a scrivere in due? Semplice: il Rusca è mancino, così non si urtano con il gomito.

NOTA AUTORE "MAX RUSCA"

nato nel 1901 a Milano (Pennsylvania) Max Rusca si è dedicato con profitto al teatro, sotto lo pseudonimo di Luigi Pirandello, e poi al giornalismo sportivo, firmandosi Ernest Hemingway. Scoperto e rinchiuso nel carcere di Mamertino, riuscì ad evadere travestito da obiettore di coscienza, rifugiandosi a Nasca, dove rimase quarantun anni nascosto in una cassa di biscotti. Sono di quest'epoca Le Eumenidi, Edipo a Colono e Mein Kampf, opere vigorose e di larga diffusione.
Divenuto enormemente grasso, il Rusca uscì dal suo precario rifugio in un assolato pomeriggio del '62 affermando di chiamarsi Gaetano Parmeggiani: da allora alterna la compilazione di almanacchi con l'allevamento selettivo di parassiti àpteri e tricòfili.

condividi con: 
condividi con Twitter
Si può trovare un motivo per ridere in ogni giorno dell’anno?
RECENSIONI E ARTICOLI
  Note Legali | Dati Societari La Lepre Edizioni S.r.l. P.IVA 09643191001 Policy Privacy | Informativa Cookie