x

Il sito edizionilalepre.it utilizza cookies tecnici e consente l’invio di cookies di "terze parti".

Per maggiori informazioni sull’uso dei cookies, cliccare qui INFORMATIVA ESTESA.

Si informa che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

la lepre edizioni la lepre edizioni
Ricerca veloce
Facebook
Twitter
YouTube
Torna alla collana 'Wu Wei'...
CONSIDERAZIONI SULLâASSOLUTO
Curato da:

RANIERO GNOLI

Collana:

Wu Wei

ISBN:

9788899389147

Pagine:

100

Data di pubblicazione:

novembre 2016

Euro: 16.00
CONSIDERAZIONI SULL’ASSOLUTO ABHINAVAGUPTA

Con Considerazioni sull’Assoluto, traduzione del commento breve alla Trentina della Dea Suprema, Raniero Gnoli consegna ai moderni una delle opere più interessanti di Abhina- vagupta, un tantra – e dunque un testo rivelato – in cui tutti i princìpi della realtà vengono ricondotti ai fonemi del sanscrito e illuminati splendidamente nella loro complementarietà di stasi e movimento, benevolenza e minaccia, conoscibilità e inconoscibilità, come nucleo di ogni creazione o distruzione. Un’opera che già nel IX-X secolo era uno dei testi śivaiti più venerati e studiati. Nella complessa cosmogonia disegnata da Abhinavagupta e nel dialogo tra la Dea interrogante, Shakti o Potenza di Śiva, e Bhairava, ossia Śiva nella sua forma “tremenda”, fioriscono temi che appartengono a ogni civiltà e a ogni tempo, come l’iniziazione, la meditazione, l’interiorizzazione del rito, la valenza sapienziale del linguaggio. La vera iniziazione, la vera offerta al fuoco, il vero yoga, la vera meditazione sono fatti interiori, che il discepolo nel corso della sua vita deve incessantemente ricreare dentro di sé.

NOTA AUTORE " ABHINAVAGUPTA"

Vissuto in Kashmir tra la fine del X e l’inizio dell’XI secolo d.C., fu certamente uno dei più brillanti pensatori dell’India e uno dei rappresentanti più insigni del tantrismo sivaita. Tra le sue opere, di cui alcune perdute, possiamo ricordare i commenti alle Stanze del riconoscimento, alla Paratrimsika, al Malinijaya e Tantraloka, allo Dhvanyaloka e al Natvasastra. Uomo di vastissima cultura, fu mistico, filosofo, rètore e grammatico, come dimostra la sua ampia produzione letteraria.

 

condividi con: 
condividi con Twitter
L’ordine del cosmo si riflette nell’uomo e nel suo linguaggio?
RECENSIONI E ARTICOLI
  Note Legali | Dati Societari La Lepre Edizioni S.r.l. P.IVA 09643191001 Policy Privacy | Informativa Cookie